l’adeguamento mondiale degli stati nazionali

Definire gli Stati come entità o istituzioni ormai superate dalle necessità nuova che il capitale transnazionale si trova ad affrontare, credo che sia una palese esagerazione. Su un ridimensionamento, su un ridisegnarsi del ruolo statuale penso di essere senz’altro d’accordo, ma non ci sono certo avvisaglie per un superamento dello Stato nazionale, che, anzi, sta assumendo fisionomia più marcate e […]

Continua a leggere

Il diritto

Se una società si accontenta delle regole della giustizia e non si arroga il diritto di distorcere quelle regole, o di aggiungervi alcunché, in quel contesto il diritto diviene evidentemente un’istituzione meno necessaria. Le regole della giustizia verranno apprese più chiaramente e più efficacemente grazie ad una concreta interrelazione con la società umana, libera dai ceppi della prevenzione, e non […]

Continua a leggere

SENZA PADRONI

La rigida separazione che esiste tra la vita di un individuo e quanto di essa egli è costretto a dedicare al suo lavoro è probabilmente la fonte più grave di problemi per la società contemporanea. Non ci si può aspettare dalla gente un atteggiamento responsabile e ricco di iniziativa nella vita quotidiana se della responsabilizzazione e dello spirito di iniziativa […]

Continua a leggere

Il richiamo costante del nazionalismo

Nel corso di questo secolo la morte del nazionalismo è stata proclamata a differenti riprese: – dopo la prima guerra mondiale, con la frantumazione in nazioni autodeterminate degli ultimi imperi europei: l’Austriaco e il Turco; e con la fine di ogni nazionalismo ad eccezione di quello dei sionisti; – dopo il colpo di stato bolscevico, quando fu proclamato che le […]

Continua a leggere

Uomo senza mondo

«Uomini senza mondo» erano e restano coloro che sono costretti a vivere all’interno di un mondo che non è il loro; un mondo che, sebbene venga prodotto e tenuto in funzione dal loro lavoro quotidiano, «non è costruito per loro» (Morgenstem), non è qui per loro; all’interno di un mondo per il quale sono presenti e in funzione del quale […]

Continua a leggere

La grande illusione

Oggigiorno, il problema più grande consiste nel fatto che il cittadino si ritrova, suo malgrado, nelle grinfie del potere politico. Pensare tutta l’esistenza secondo le logiche e la metrica della politica, celare lo scorrere e il fluire della realtà usando questa parola come schermo (con gli intellettuali che prendono lo spunto da Platone e da parecchi altri filosofi), mettere tutto […]

Continua a leggere

Con sincera pietà

A “Il Goliardo” di “Umanità Nova” «Ti percuoterò senza collera e senz’odio, come un beccaio, come Mosé la roccia!» (Carlo Baudelaire) I O buon «Goliardo» vieni — vieni a me! Vieni ad ascoltare le strofe alate della mia lira perversa e maledetta: vieni ad ascoltare il riso della mia malinconia… Che temi? che temi? Temi forse il fuoco livido e […]

Continua a leggere

Tossicodipendenti della crescita

Con l’obsolescenza programmata, la società della crescita possiede l’arma totale del consumismo. In tempi sempre più brevi, apparecchi e oggetti, dalle lampade elettriche agli occhiali, si rompono per il cedimento voluto di un elemento. Impossibile trovare un pezzo di ricambio o un riparatore. La riparazione comunque costerebbe più che comprare il prodotto nuovo (nel frattempo fabbricatoa prezzi stracciati nelle galere del […]

Continua a leggere

Quando la pelle parla

Da piccolo mi piaceva disegnare. Disegnavo sempre, mi portavo dietro un quadernetto e disegnavo tutto quello che vedevo. Mi piaceva vedere come i soggetti si trasferivano sulla carta, a incantarmi era il processo del disegno, mentre mi davo da fare con la matita. Stavo come dentro una bolla, chiuso nel mio mondo, e Dio solo sa cosa succedeva in quegli […]

Continua a leggere
1 2 3 20