a speranza

Ogni notte, dopo avè passato
Tutta ‘a serata co’ l’amichi ar bar de Beppo,
Cor cervello mezz’annebbiato
Vòi pe’ stronzate ‘n pò dette ‘n pò sentite,
Vòi pe’ fumi der vino che me fa’ girà ‘a capoccia,
Piano piano, camminando muro muro, torno a casa.

Puro l’antra sera tornavo a casa piano piano,
Camminando muro muro,
P’evità de provocà quarch’incidente
Che me facesse male pure a mme stesso,
Quanno davanti ar portone da casa ‘ndò che abito
Te vedo ‘na signora ‘n pò anzianotta.

Sta llà, ‘n pò dimessa, come se m’aspettasse,
I capelli ‘n pò grigi, tinti dar tempo e dall’età,
Er viso co’ qualche ruga ma ancor piacente
E l’occhi, ‘n pochetto umidi de pianto,
Ma splendenti com’a ddu’ stelle,
Che me frugavano fin dentro ar còre.

Quant’eran belli quall’occhi veramente!

‘A guardo ‘n pochetto e ‘ncuriosito je dico:
“Er tu’ viso nun m’è nòvo ma nun m’aricordo ‘ndovè che t’ho già vista”.
Lei me guarda e co’ voce dorce e ‘n poco triste me risponde:
“Nun te ricordi?…
Nun ricordi quanno che me portavi sottobraccio
A passeggià soli soletti su ar Pincio a guardà Roma?…
Quante illusioni, quante chimere, quanti sogni
E quante carezze, quante coccole e quanti dorci baci che me davi allora.

E com’era bello pèrdese inseguendo quei pensieri
Cercando d’indovinà quello che doveva èsse er tu’ futuro
Mentre stavi a guardà Roma dar Pincio.

Era ‘a bellezza da gioventù
Mò nun c’è sta più ‘a bellezza dei vent’anni,
Pur’io so’ vecchia e me butti co’ ‘a mondezza.

‘N pò stupito da tutto ‘sto discorzo jè domanno:
“Ma come te chiami?… Chi sei?”.

Lei, co’ ‘a voce che pareva ‘na carezza me risponde:
“Me chiamo a core, so’ ‘a speranza”