da”Siamo in guerra”…..


….Internet diventerà un’estensione naturale della nostra memoria , attraverso i motori di ricerca e le memorie digitali personali .Si svilupperanno sia le capacità analitiche e di capacità critica per comparare diverse fonti di informazioni sia la creatività , grazie all’accesso a contenuti multimediali illimitati.Lo sviluppo delle reti sociali avrà obiettivi concreti , suggerirà e permetterà di condividere soluzioni su piccola e grande scala , dai problemi del quartiere della propria città alle politiche del paese. Le capacità mnemoniche diventeranno meno importanti .In dieci anni cambierà anche il linguaggio dell’informazione , con l’emergere di nuovi stili e di una letteratura visuale detta screen literacy, integrata con ogni tipo di contenuto online e con le applicazioni software.Nasceranno nuovi Dostoevskij del digitale , creatori di una nuova forma di letteratura , veri e propri “scrittori per la Rete”.Il termine intelligenza verrà associato a interconnessione e la Rete diventerà un’estensione dell’intelligenza individuale con uno scambio continuo di informazioni.A ogni nuovo contenuto inserito , una parola chiave in un motore, un commento , un post, un link, la Rete diventa più intelligente e la sua intelligenza è immediatamente disponibile per chi vi accede .Non saremo meno intelligenti, ma più informati, più critici,più interconnessi, parte dell’intelligenza collettiva……