Il Movimento dei Balocchi


Il Movimento dei Balocchi è un particolare modello teorico in cui un movimento sarebbe costituito da cittadini tutti animati da senso civico e senza secondi fini, che, spontaneamente, in concordia, senza bisogno di alcuna organizzazione e fondamento scritto, ma tutti condividendo i medesimi principi, modus operandi e schemi di rapporti personali in quanto a tutti evidenti che sono buoni e giusti, si prodigano per il bene comune e per il medesimo obiettivo, che tutti condividono, in amicizia e felicità, senza che nasca alcuna diatriba o polemica.

Si distinguono diverse versioni dei sostenitori di questa teoria:
E’ ricorrente ad esempio la versione eremitico-aristocratica. Tale movimentista si avvicina ad un movimento, presenta la sua teoria di Movimento dei Balocchi, aspetta che la costruisca qualcun altro e/o si meraviglia che chi ha costruito qualcosa non l’abbia già fatto come da lui teorizzato, e, poiché ciò che osserva è differente, si allontana sdegnato, senza contribuire a costruire quanto da lui auspicato, e soprattutto senza rischiare di scontrarsi con la realtà, ma osservando il volgare movimento reale dall’altezza aristocratica del suo movimento ideale

Un’altra versione è quella beta. Di indole tranquilla, partecipa ma, per quieto vivere, ingoia quello che non condivide, non dissente e fa finta di nulla. Quando raggiunge il limite può trasformarsi nella versione precedente. Vi sono esempi macroscopici di questa dinamica nella storia, ad esempio quando si aspettò che la Germania invadesse la Polonia per fermare Hitler.

ESERCITAZIONE PRATICA DI MOVIMENTO DEI BALOCCHI:

Movimentista A: Sono qui perché voglio fare qualcosa per cambiare le cose! Forza, facciamolo! E soprattutto senza diatribe e polemiche!
Movimentista B: Sono d’accordo!
Movimentisti A e B: Bacini bacini…..
Movimentista A: Facciamo una lista civica per il nostro comune, per combattere questi politici indegni dall’interno! E soprattutto facciamola senza diatribe e polemiche!
Movimentista B: Sono d’accordo!
Movimentisti A e B: Bacini bacini…..
Movimentista A: Bene, possiamo cominciare organizzando un incontro con le persone interessate a fare una lista civica senza diatribe e polemiche…
Movimentista B: Si, certo! Ci vuole un po’ di manovalanza per lavorare a portarmi in comune!
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. questo dovremmo deciderlo tutti assieme democraticamente, tutti alla pari, in modo orizzontale….
Movimentista B: Democraticamente? Io ho un’azienda dove comando io e funziona benissimo! Ci vuole uno che pensa! E io penso che sono io quello che pensa, e quindi penso che devo entrare in comune a pensare per quelli che non pensano!
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. perché pensi che dovresti essere tu a candidarti?
Movimentista B: Ma cosa stai facendo, polemiche? Ce l’hai con me che non ti vado bene? Mi stai offendendo! Come ti permetti?
Movimentista A: Si, hai ragione, non devo fare polemiche. Bacini bacini…..
Movimentista B: E dopo che abbiamo la manovalanza penso io a studiare una campagna per dire alla gente che sono arrivato io e ci penso io! E voi andate a dare i volantini e a mettere i manifesti!
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. non dovremmo decidere assieme come fare la campagna?
Movimentista B: Chi lo ha detto? Cos’è tutta questa burocrazia? Qui abbiamo detto che siamo spontanei, quindi spontaneamente ho ragione io! Cosa ne sai, più di me, che so quello che so?
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. è che pensavo di coinvolgere i cittadini per la stesura di un programma, andare nelle strade….
Movimentista B: I cittadini? Che si fottano! Cosa ne sanno loro di quello che gli serve? L’importante è che voi andate a dire che io sono il più bravo, il più onesto e il più capace, che vogliamo fare tante belle cose, e non importa se noi non sappiamo cosa sono queste cose, tanto non le possiamo fare!
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. non mi sembra molto corretto nei confronti dei cittadini. Non dovremmo essere trasparenti?
Movimentista B: Trasparenti? Qui dobbiamo lavorare per obiettivi! L’obiettivo è far entrare qualcuno di noi che vogliamo cambiare le cose, cioè me! Come lo raggiungiamo l’obiettivo di fare entrare me per cambiare le cose se poi facciamo vedere a tutti che non so come cambiarle?
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. dovremmo chiedere i voti per cose che non possiamo fare?
Movimentista B: Non solo! Voi andate anche da amici e parenti e chiedetegli di votare me per fare un favore a voi!
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. mi sembra fare come i soliti politicanti….
Movimentista B: Per entrare in comune dobbiamo fare come hanno fatto gli altri che sono entrati in comune! Queste idee di fare le cose diverse sono tutte cazzate! Noi siamo diventati un movimento politico! Politicante dillo a tua sorella, come ti permetti ?!? Io ci metto la faccia per entrare in comune per farvi contenti! Cosa stai facendo, polemiche??
Movimentista A: Si, hai ragione, non devo fare polemiche. Bacini bacini…..
Movimentista B: E adesso mettiti al lavoro per farmi eleggere in comune, che non stiamo combinando niente con tutte queste tue contestazioni! Non si può lavorare così! Io sono tranquillo e non voglio queste polemiche!
Movimentista A: No, scusa, ma, senza polemiche…. VAFFANCULO!!! Ah, dimenticavo: bacini bacini…..

Epilogo:
Arriva il Movimentista C; Oh, ragazzi, cosa sono queste inutili polemiche?!? Siamo qui perché la pensiamo tutti allo stesso modo!