Noi.

Noi non siamo come voi. Noi pensiamo a come agire. Noi non sopportiamo e ci concentriamo sulla trasformazione.Noi siamo un esercito .Noi ci mascheriamo e poi disintegriamo le maschere. Noi ci organizziamo. Noi non parliamo troppo e non siamo schiavi di nessun apparato per lobotomizzare le masse.Noi siamo contro tutti.Noi amiamo l’arte . Basta parlare con noi e si ritorna tutti giovani. Noi abbiamo il fuoco dentro. Noi siamo quelli che alzano il ritmo. Noi siamo velocissimi, rapidi e stiamo sperimentando l’effetto letale delle nostre azioni. Noi ci addestriamo, sempre. Noi abbiamo tanti doni perchè siamo sintonizzati alla perfezione con le frequenze dell’universo.Per noi tutto è possibile. Noi siamo folli e non ci preoccupiamo. Il pericolo per noi è vita.Noi siamo vivi e voi ….lasciamo perdere.Noi siamo tutti capi , basta osservare i nostri comportamenti, non conosciamo la monotonia. Noi siamo l’avamposto perfetto. Noi abbiamo sangue, carne e spirito libero.Noi siamo lupi, tigri, squali, leoni.Noi siamo un branco.Noi andiamo verso la gloria. Noi cerchiamo l’immortalità.Noi affonderemo la nave della vostra società. Noi vogliamo la vostra estinzione. Noi ridisegneremo le società.Noi condividiamo tutto, conoscenza , esperienza, emozione pura.A noi non piacciono le foto e i video.Noi non siamo testimonial.Noi non vogliamo sponsor.Noi amiamo e contempliamo solo la Natura.Noi accendiamo i vulcani. Noi facciamo impazzire. La nostra presenza vi allerta e intimorisce.Noi ci faremo inseguire per portarvi nella vostra trappola.Noi siamo tanti , nessuno conosce il nostro numero e questo non vi fa dormire.Noi saremo il vostro confronto, preparatevi alla nostra pura follia.

La giovinezza non è un periodo della vita. Essa è uno stato dello spirito, un effetto della libertà, una qualità dell’immaginazione, un’intensità emotiva, una vittoria del coraggio sulla timidezza, del gusto dell’avventura sull’amore del conforto. 

Non si diventa vecchi per aver vissuto un certo numero di anni; si diventa vecchi perché si è abbandonato il nostro ideale. Gli anni aggrinziscono la pelle, la rinuncia al nostro ideale aggrinzisce l’anima. Le preoccupazioni, le incertezze, i timori, i dispiaceri sono i nemici che lentamente ci fanno piegare verso terra e diventare polvere prima della morte. 

Giovane è colui che si stupisce e si meraviglia, che si domanda come un ragazzo insaziabile: “E dopo?”, che sfida gli avvenimenti e trova la gioia al gioco della vita.

Voi siete così giovani come la vostra fiducia per voi stessi, così vecchi come il vostro scoramento. Voi resterete giovani fino a quando resterete ricettivi. Ricettivi di ciò che è bello, buono e grande, ricettivi ai messaggi della natura, dell’uomo e dell’infinito. E se un giorno il vostro cuore dovesse esser mosso dal pessimismo e corroso dal cinismo, possa Dio avere pietà della vostra anima di vecchi. 

Generale Mac Arthur ai Cadetti di West Point – 1945 

La giovinezza non è un periodo della vita. Essa è uno stato dello spirito, un effetto della libertà, una qualità dell’immaginazione, un’intensità emotiva, una vittoria del coraggio sulla timidezza, del gusto dell’avventura sull’amore del conforto. 

Non si diventa vecchi per aver vissuto un certo numero di anni; si diventa vecchi perché si è abbandonato il nostro ideale. Gli anni aggrinziscono la pelle, la rinuncia al nostro ideale aggrinzisce l’anima. Le preoccupazioni, le incertezze, i timori, i dispiaceri sono i nemici che lentamente ci fanno piegare verso terra e diventare polvere prima della morte. 

Giovane è colui che si stupisce e si meraviglia, che si domanda come un ragazzo insaziabile: “E dopo?”, che sfida gli avvenimenti e trova la gioia al gioco della vita.

Voi siete così giovani come la vostra fiducia per voi stessi, così vecchi come il vostro scoramento. Voi resterete giovani fino a quando resterete ricettivi. Ricettivi di ciò che è bello, buono e grande, ricettivi ai messaggi della natura, dell’uomo e dell’infinito. E se un giorno il vostro cuore dovesse esser mosso dal pessimismo e corroso dal cinismo, possa Dio avere pietà della vostra anima di vecchi.

Generale Mac Arthur ai Cadetti di West Point – 1945 

DE JUVENTUTE

La giovinezza non è un periodo della vita. Essa è uno stato dello spirito, un effetto della libertà, una qualità dell’immaginazione, un’intensità emotiva, una vittoria del coraggio sulla timidezza, del gusto dell’avventura sull’amore del conforto. 

Non si diventa vecchi per aver vissuto un certo numero di anni; si diventa vecchi perché si è abbandonato il nostro ideale. Gli anni aggrinziscono la pelle, la rinuncia al nostro ideale aggrinzisce l’anima. Le preoccupazioni, le incertezze, i timori, i dispiaceri sono i nemici che lentamente ci fanno piegare verso terra e diventare polvere prima della morte. 

Giovane è colui che si stupisce e si meraviglia, che si domanda come un ragazzo insaziabile: “E dopo?”, che sfida gli avvenimenti e trova la gioia al gioco della vita.

Voi siete così giovani come la vostra fiducia per voi stessi, così vecchi come il vostro scoramento. Voi resterete giovani fino a quando resterete ricettivi. Ricettivi di ciò che è bello, buono e grande, ricettivi ai messaggi della natura, dell’uomo e dell’infinito. E se un giorno il vostro cuore dovesse esser mosso dal pessimismo e corroso dal cinismo, possa Dio avere pietà della vostra anima di vecchi. 

Generale Mac Arthur ai Cadetti di West Point – 1945