Una storiella ….


una semplice storiella……Nel feudo di Chu, un vecchio si guadagnava da vivere ammaestrando scimmie.La gente del posto lo chiamava “Ju Gong”(signore delle scimmie). Ogni mattina, il vecchio radunava le scimmie nel suo cortile , e ordinava alla più anziana di condurre le altre sulle montagne per raccogliere frutta da cespugli e alberi.Ogni scimmia doveva consegnare un decimo del raccolto al vecchio, questa era la regola. Quelle che non la rispettavano , venivano frustate senza pietà .Tutte le scimmie pativano grandi sofferenza , ma non osavano ribellarsi.Un giorno, una scimmietta chiese alle compagne :”è stato il vecchio a piantare gli alberi da frutta e i cespugli?”.Le altre risposero :” no, sono cresciuti spontaneamente”.Allora la scimmietta domandò:” non possiamo raccogliere i frutti senza il permesso del vecchio?”.E le altre :” certo che si”.La scimmietta proseguì :”allora perchè dobbiamo servirlo ?”. Prima che la scimmietta potesse finire la frase , tutte le altre scimmie all’improvviso ebbero un’illuminazione .Quella notte stessa , mentre il vecchio dormiva, le scimmie abbatterono il recinto in cui erano segregate,presero i frutti che il vecchio aveva in magazzino , li portarono nella foresta e non fecero più ritorno .Alla fine , il vecchio morì di fame…..Yu Li Zi dice :” Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno e non con la rettitudine . Non sono forse come il signore delle scimmie ? Non si rendono conto della propria confusione mentale . E appena i loro sudditi se ne accorgono , gli inganni non funzionano più “.