Apoxyomenos alla romana

Copia romana del I sec d.C.
da originale greco di Lisippo

Apoxyomenos
330-320 a-C., Musei vaticani
marmo pentelico

Mo nun te spaventà de sto nome Apoxiomenos che è greco, e vor dì ‘n tizzio che se sta a pulì, perchè ‘n pratica l’atreti gresci quando che gareggiaveno tipo all’olimipiedi erano ‘gnudi pe fa vvedè quant’ereno bboni, che ‘n effetti pure questo ‘j ammolla abbastanza, si mme posso permette.

E non solo ereno ‘gnudi ma se sparmaveno d’oglio così je luccicaveno tutti li muscoli tutti ganzi e fichi, e tutte e pischelle sveniveno de qquà e de llà e ppure li pischelli perché ‘n Grescia era normale e sse usava così.

Dopo daa gara quinni se doveveno lavà, ma tte o sai bbene che si ssei unto ‘nutile che tte fai a doccia, che l’acqua mica o scioje er grasso, che poi st’oglio s’era ammischiato caa porvere eer sudore e avaa fatto come na zzella, che pe levalla doveveno prima usà ‘n coso che se chiamava strigile (striggile), tipo un rasoio ‘mmaggina, ma che nun taja. E anfatti è quello che staffà questo qua, che se sta a sgrattà via a zzella.

A cosa fica è cche mentre che ‘n passato a n’atreta che aveva vinto je fascevano na statua, sì, epperò come da vittorioso, tipo fermo ‘mmobbile, che guardava avanti, caa corona, come sur podio, pe ddì, come se o staveno a premià; invesce Lisippo a st’atreta too fa vede drentro a o spojatojo, pe ddì, ner momento intimo, che se sta a ppulì, scioè staffà na cosa normale, è ‘n momento personale, è zozzo, è stanco, anfatti se appoggia ‘n po’ de lato che gnaa fa; manco o sapemo si ha vinto o pperso… no, vabbè ovvio che ha vinto sinnò a statua cor cazzo che jaa faceveno.

Sarebbe come ddì come si a Ttotti (sì sì forza Roma alè alè noi sc’avemo Tottigol) invece da faje na foto sur campo mentre soneno l’inno, tipo figurina Panini, je facessero na foto mentre staffà a doccia o mentre porta ‘n giro er pupo co Illari, pe ddì, tipo no na robba uffisciale ma de paparazzi. Che o prendeno in un momento che tu vvedi che ‘né solo Er Capitano ma pure n’omo normale.

E o so che è ‘npò rotta, ma aho, cià dumila anni, voi mette? Er motorino tuo fa schifo ar cazzo e ce n’ha quattro de anni, che fra ‘n po’ o devi da rottamà, essì pure perché ce fai e pinne e ce sgasi, ma ‘nzomma sta statua è vecchia vecchia e ringrazzia er cielo che ciavemo. Che poi anfatti l’origginale che era de bbronzo nce sta ppiù e questa è na copia c’hanno fatta aantichi romani. Essì, i romani ereno forti, come a Ttotti.