Er vaffanculo

Er VaffanculoNun è ‘na parolaccia, amica mia,
Ma la canzone più famosa der monno.
Ce vò ‘n trattato de fillosofia
Pe’ ispiegallo bene a tutto tonno.
Quanno te rode forte drent’ar petto
Devi tené accarcato ‘sto livore;
Nun daje fiato subbito de bòtto,
Ma fallo cresce forte drent’ar còre.
E devi da tenello ariguardato.
E devi fallo cresce piano piano,
Come fusse sciumaca ‘mmezzo ar prato
Che nun c’ha fretta d’arivà lontano.
Poi come ‘n fiorelletto a primmavera
Lo coji piano, pe’ sentì ll’odori,
Te lo prepari bbene quann’è sera
E la matina lo fai sortì de fòri.
Opri allora er portone der palazzo;
Er verso nun è più color de rosa;
Se rintorcina sortenno come ‘n pazzo
E va a corpì ‘n der segno, in do se posa.