Gilgamesh e la madre Ninsun


Gilgamesh aprì la bocca e disse, così parlò ad Enkidu:
“Vieni, amico mio! Andiamo al palazzo eccelso, da Ninsun, la grande regina.
Ninsun è saggia, conosce ogni cosa, essa comprende tutto, essa guiderà,
con il suo buon consiglio, i nostri passi”.

Essi si presero l’un l’altro per mano, e Gilgamesh ed Enkidu andarono all’eccelso palazzo,
da Ninsun, la grande regina.

Gilgamesh si alzò ed entrò al suo cospetto:
“Ninsun, io sono fermamente deciso, andrò per una via lontana, là dove abita Khubaba;
ingaggerò una lotta dall’esito incerto;
camminerò per sentieri sconosciuti.

Dammi la tua benedizione, poiché ho deciso di intraprendere questa impresa,
sicché io possa in futuro nuovamente entrare attraverso la grande porta di Uruk,
e nuovamente celebrare la festa del Nuovo Anno in anni a venire,
e prendere parte alla festa del Nuovo anno in anni futuri.

Sia celebrata la festa del Nuovo Anno, che la gioia vi regni, possano le grida?illuru circondarti”.