Gilgamesh: Il rifiuto della madre Ninsun


“Egli è potente nella montagna, egli possiede la forza.
La sua forza è così grande come il firmamento di Anu.
La saggia madre di Gilgamesh che conosce ogni cosa comprese;
così parlò a suo figlio;
La saggia Rimat?Ninsun che conosce ogni cosa,
comprese; così parlò a Gilgamesh:
“Figlio mio amaramente”
Egli prese egli lo condusse alla sua porta egli (= Gilgamesh) piangeva amaramente:
“Enkidu non ha né padre né madre, i suoi capelli cadono sciolti,
egli è nato nella steppa e chi può batterlo?”.
Enkidu stava con lui, ascoltava ciò che egli diceva,
fu preso da paura e si sedette per terra.
I suoi occhi si riempirono di lacrime,
le sue braccia si abbassarono, la sua forza diminuì;
allora essi si abbracciarono l’un l’altro e si strinsero le mani
Lacuna di 31 righe (Gilgamesh per rincuorare l’amico gli propone di recarsi nella Foresta dei Cedri per uccidere il mostro Khubaba; Enkidu però lo mette in guardia dai pericoli di una tale impresa).