Gilgamesh: In viaggio verso Uruk


(Ella rispose): “Vieni, mettiamoci in cammino,
in modo che egli possa vedere la tua faccia;
io ti mostrerò Gilgamesh, io so dove si trova.
Va’, o Enkidu, ad Uruk, l’ovile,
dove la gente è vestita splendidamente e ogni giorno è occasione di festa,
dove i tamburi rimbombano e le prostitute mostrano tutte le loro grazie;
piene di gioia e raggianti di felicità,
nel letto di notte, i Grandi giacciono con loro.
O Enkidu, tu che brami vivere,
consentimi di mostrarti Gilgamesh, un uomo pieno di gioia!
Guardalo, osserva le sue fattezze,
egli è virilmente bello, pieno di vita,
tutto il suo corpo emana un fascino seducente.
La sua forza è superiore alla tua!
Egli non dorme mai, ne di giorno ne di notte.
O Enkidu, non tentare di competere con lui.
Shamash ama Gilgamesh,
ed Anu, Enlil ed Ea lo hanno reso saggio!
Prima che tu scenda dalle montagne,
Gilgamesh ti avrà visto in sogno, ad Uruk”.