I saggi consigli di Gilgamesh

Gilgamesh così parla ad Enkidu:
“Se tu voi scendere agli Inferi, allora devi accettare di buon cuore il mio consiglio:
un vestito puro non devi indossare;
altrimenti essi (i morti) riconosceranno che tu là sei uno straniero.
Non devi spalmarti con unguento prezioso, altrimenti essi sentendo il tuo profumo si assembreranno attorno a te!
Non devi gettare negli Inferi il boomerang, altrimenti ti circonderanno quelli che sono stati uccisi dal boomerang!
Non devi prendere uno scettro nelle tue mani, altrimenti tremeranno davanti a te gli spiriti!
Non devi mettere ai tuoi piedi sandali, tu non devi far rumore negli Inferi!
Tua moglie, l’amata, non devi baciare,
tua moglie, l’odiata, non devi picchiare,
tuo figlio, l’amato, non devi baciare,
tuo figlio, l’odiato, non devi picchiare:
altrimenti il lamento degli Inferi ti intrappolerà:
“Di colei che là riposa, che là riposa, la madre di Ninasu, che là riposa:
le sue pure spalle non sono ricoperte di nessun vestito,
i suoi puri seni sono come coppe di unguento appese!”