La formichina ribelle


Drento un montarozzo de tericcio,
C’era ‘na bella e aitante formichina,
Che ‘n ciaveva manco ‘n sòrdo spiccio
E brontolava dalla sera alla matina,

Teneva comizzio da sopra ‘n sassolino
E nun faticava come le sorelle,
Cercava de coinvorgele durante quer cammino,
Perché ciaveva l’animo ribelle,

Voleva un po’ più de libertà,
Viaggià, partì e conosce artri posti,
E no passà ‘na vita a faticà
A raccoje cibo, costi quer che costi.

Ma quanno er freddo je gelò la gola,
E l’artre ciaveveno proviste pell’inverno,
Morì de freddo e fame, sola sola
E se ne annò diritta giù all’inferno