L’asilo

Maestrine e regazzini,
Zainetti e cappottini.
Sempre tanta è la caciara,
Che se sente a tutte l’ora.

C’è chi ppiagne quarche vvòrta,
E chi fa quarche ccapriccio,
Perché sbatte su ‘na porta,
O ppe’ ccausa de ‘n bisticcio.

Nelo sguardo dde ‘sti pupi,
C’è la ggioia e la tristezza.
Cianno l’occhi a vvòrte cupi,
E a vvòrte pieni dde dorcezza.

Però è vvivo com’ambiente.
Qui la ggioia ce se sente.
È la forza dela vita,
Che qqua dentro è infinita.