PIZZAROTTI E IL BARATRO DI UNA MISSIONE IMPOSSIBILE


pubblicata da Tinazzi .

Fà caldo…non ho sonno , ho gironzolato fra vari link di Parma , ho guardato il Bilancio preventivo 2012-2014 “Come salvare il Comune in tre anni ” del 4 gennaio 2012 del commissario Mario ciclosi e allegra compagnia.

http://parma.repubblica.it/cronaca/2012/01/04/ne/comune_presentato_il_bilancio_confermato_l_aumento_delle_tasse-27602668/

Si dava un comune indebitato di 460 milioni di euro dei quali 260 milioni di euro dipendenti dalle società partecipate al comune , quando a Maggio 2011 c’era già chi informava che il solo buco delle società partecipate era di 600 milioni di euro !!!
http://www.francescocamattini.it/index.php?option=com_content&view=article&id=70%3Ale-societa-partecipate-del-comune-di-parma-breve-riflessione-intorno-al-governo-della-citta&catid=38%3Ablog&Itemid=57&lang=it

Il bilancio preventivo appare molto ottimistico o fasullo ; se in campagna elettorale si parlo’ di un buco di 600 milioni di euro a salire.
La legge di peter , trasformata in principio del paraculo dice per piccola esperienza che i debiti di bilancio per averne una visione reale vanno almeno moltiplicati x 2 come scrissi ….quindi andiamo oltre IL MILIARDO DI EURO confermato mi sembra dallo stesso Pizzarotti.
IL labirinto poi delle società comunali partecipate puo’ uccidere il manager piu’ navigato ed esperto ; 34 società comunale di vari tipi , specie , incroci , partecipazioni , debiti vari , inchieste , incquisiti a iosa , con la bellezza porcata di 379 membri a spese dei cittadini fra membri di CDA , presidenti , vice-presidenti , sindaci , consulenti ,,,,UN SACCHEGGIO GALATTICO.
Se a questa situazione aggiungiamo il drastico calo dei trasferimenti dello stato ai comuni e a Parma , botte di 20 milioni di euro per anno , oneri finanziari devastanti , partecipate mezze fallite e prospettive di entrate a parte l’IMU ridotte nell’aria immobiliare ed altri proventi …e a questo includiamo il patto di stabilità ; la situazione di gestione degli interventi è cosi’ complessa che ucciderebbe il politico piu’ consumato.
Come reperire risorse ?

Ne sa qualcosa il Banco del MOnte di Parma , ridotta al fallimento che coinvolge la società alfa partecipata al comune di Parma :
http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/04/16/aziende-fallite-e-soldi-al-comune-mai-rientrati-cosi-la-banca-del-monte-affoga-nei-debiti/104898/
cose vecchiotte , seguite da pignoramenti , sentenze del tribunale ed altre situazioni incasinate.
::::::::

Come evitare il fallimento di diverse partecipate a PArma ?

Come evitare il dissesto del comune ( fallimento)?

Come preparare un piano di emergenza , dove se ci si mette pure la penale dell’inceneritore aggiungiamo altre centinaia di milioni di Euro?
::::::
CI RENDIAMO CONTO SU CHE MONTAGNA DI MERDA HANNO LASCIATO L’M5S E PIZZAROTTI?
Noi non siamo chiamati a far pagare ai cittadini il conto di anni di porcate
Rischiamo di fare IL PIZZAMONTI …il prestanome pulito per stangare i cittadini
Con i partiti responsabili a criticare e spernacchiare.
SEcondo me er PIzza , quando avrà le idee chiare ( se ci arriva e non è facile , prima che crolli tutto… ) deve mettere tutto on line per i cittadini ….chiedere la fiducia , dare le colpe doverose del saccheggio ed in una sorta di referendum chiedere di proseguire …..
Pulire la cacca dei ladroni …..non è compito nostro. Non siamo un autospurgo , siamo un movimento di persone oneste.
QUI NON SI TRATTA DI DIMOSTRARE DI GOVERNARE , MA DI FARE MIRACOLI……

e non siamo ancora attrezzati per questo.

Tinazzi

PS

Confrontiamoci anche su qualche scenario , dati a breve. Queste dicono che le partecipate a breve non saranno in grado di pagare gli stipendi , senza aumenti di capitale ( come ? con quali soldi ? ) falliranno o dovranno essere messe in liquidazione con impatto su attività e servizi. Nelle partecipate bisogna vedere se il comune è in maggioranza , se è l’unico azionista , come il privato metterà soldi …..quali banche finanzieranno le operazioni.
::::::::
il tutto in presenza di una situazione pre-dissesto, fallimento se non si mettono in atto provvedimenti immediati che tamponino la situazione , avviando allo stesso tempo delle ristrutturazioni ; accorpamenti , riduzione partecipate , consigli e persone.
::::::::::
Serve una gigantesca operazione di Reengineering societario , fiscale ….e comunque garantire i servizi essenziali del comune.
::::::::::
Non ho dati sufficenti per definire il quadro , se grave , drammatico o perso. Ma il dato di UN MILARDO E 200 MILIONI DI DEBITI E’ REALE.
Di questi credo il 70% dipende dalle STT e controllate e altre partecipate un mare o cloaca maxima la cui ragnatela con relativo audit si perderebbe nei mesi ; tenendo poi presente che i protagonisti del disastro sono al comando dei CDA , presidenti e sindacii messi solo per firmare bilanci elusivi .

Le società partecipate servono per eludere i vincoli del fatto di stabilità , trasferire e assegnare servizi e sono le principali responsabili del fallimento dei comuni e dello stato . OLtre a servire come bacino del voto di scambio e assunzioni facili.

Stiamo parlando di una gigantesca holding , azienda multiservizi dove il sindaco è il massimo responsabile , dove occorre una urgente rewvisione della governance , una squadra con i contro -coglioni- o la speranza che chi ha causato i disastri improvvisamente si ravveda ….TUTTI UOMINI DEI PARTITI.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/il-capitalismo-del-futuro-anteriore-il-caso-parma/?printpage=undefined
::::::::::::::::::::::::::::::
Pizzarotti come Leonida ?