Quanno che mòre un nonno

Quanno che mòre un nonno e va in cariola
Chi ciarimette so’ li nepotini,
Nun ce pònno più fà sedia sediola
E giocà a palla drent’a li giardini.

Nun ce sarà più er boccio for de scòla
Che je porta cartella e canestrini,
J’aggiusta zinalino e camiciola,
Je compra giornalini e li “Gormiti”.

Er nonno e ‘r nipotino so’ festosi
Manina ne la mano, so’ spavardi.
E ciànno li segreti. E so’ gelosi.

Quanno che mòre un nonno è un gran casotto.
“Svejete nonno. Perchè nun me guardi?
Chi m’ariscallerà sott’ar cappotto?”.