Resta sul ferro finchè è caldo


Quello che mi incuriosiva di più nella boxe  dal punto di vista  fisico  era come un pugile  potesse battersi round dopo round , match dopo match, ancora  e poi ancora .

Prendersi una cornata , in una corrida , è sempre  una possibilità , molto spesso inevitabile , ma la maggior parte  delle volte il torero  lascia l’arena incolume.

Un pugile  che si prepara  per un incontro , invece , prende botte  tutti i giorni, e le botte  crescono con un’intensità omicida durante il combattimento.

Colpisci senza farti colpire è la regola fondamentale della boxe . Ma tutti i pugili vengono colpiti , anche i migliori. E allora  cher razza di uomini erano quelli , se riuscivano a sopportare  un supplizio simile  abbastanza da diventare  pretendenti, o addirittura campioni ?

E come succedeva , e quanto ci voleva  esattamente , prima che un ragazzino  con i suoi sogni  di gloria  imparasse abbastanza  da infilarsi tra le corde?E quanto  è duro  non solo allenarsi  e combattere , ma anche  imparare la scienza della boxe , quel meccanismo vero e proprio  che ti fa sferrare i pugni , uno dopo l’altro ?

E alla base di tutta la facccenda  poi c’è la domanda : ” Cos’è che fa di un pugile  un pugile ?”.

Vaio col jab , su , raddoppia. Jab . Ancora . Jab. Altri due. Uno-due. Uno-due-gancio. Ancora. Due jab di destro , gancio , di nuovo il destro, e un jab per venirne fuori. Un gancio al corpo , uno alla testa , di nuovo il destro. Muoviti.  Non ti buttare.  Raddoppia. Ancora. Jab.Jab. Jab. Ancora, Raddoppia. Ancora. Ancora,. Avanti…..

Credi di morire , ma non è nulla , stai solo forgiandoti.Sapevo che il mio allenatore  pensava che sarei svanito  nel nulla  dopo il primo giorno , che non mi sarei più fatto vedere. Ma non lo feci . Insistetti, e anche lui. E mentre cominciavo a sentirmi in forma – quattro round  di riscaldamento contro la mia ombra , quattro round  contro i guantoni , quattro round al sacco, quattro round al punching bag., quattro round alla corda, e tanti addominali da surclassare uno sfidante – iniziai a capire e a imparare  che cosa mi aveva avvicinato alla boxe. Era la scienza del combattimento , e il cuore necessario per essere un combattente . Boxare era un esercizio mentale . E cominciai anche a comprendere che ero uno di quelli  che potevano far parte del gioco.Ne ero ammaliato. Lo sono ancora…..