‘Sti cazzi


Sarve, ve volevo parlà, oggi,
De ‘no strano argomento,
Che su ‘sto sito crea pregiudizio
E nun poco sgomento.

Si sfojate le paggine
De sto monno lubbrico e virtuale,
V’accorgete tosto che sovrasta inquieta
‘N’immaggine banale.

‘St’immaggine è simbolo comune
Delle più accese discusioni,
Tanto che le femminucce,
A chi la pubblica, je da dei cojoni.

Stò a parlà de ‘n’affare
Che dell’òmo è l’organo sessuale,
E de certo in foto nun c’è finito
In modo semplice e casuale.

So’ quasi certo che, gentilmente,
Voi nun me darete del pazzo,
Se ‘st’organo sessuale con semplicità
‘O chiamerò cazzo.

Mo, se sà da sempre,
Che de cazzi ce ne stanno de tutti i tipi,
Ma meno se sa che ‘sti cazzi
Assomijeno spesso ai loro capi.

È ‘n pò come er cane che, mica poco,
Assomija ar su padrone,
Ma, caso strano, co’ la fantasia,
Er cane pò assomijà a ‘sto bastone.

Allora ce stà quello largo, grosso
E co’ pelle spessa e tanta
Che ar mastino te fa pensà
Che della mole sua ce se vanta.

Poi ce stà quello lungo,
Pieno e co’ l’asta sempre dritta,
Che te fa pensà all’alano
Come a ‘n sordato drentro la garitta.

C’è quello nervoso, scattante,
Co’ de fòri tutte le vene,
Che si lo guardi bene c’esce ‘n boxer
Co’ tutte le sue pene.

Senza poi scordasse quello lungo
Fino e sottile assai,
Facile, er levriere, che della corsa
È l’incontrastato re masai.

Quello piccolo, storto, bitorzoluto
E con abbondante pelle
Che si lo ‘ncontra Armani se lo porta a casa
Come Oliver delle Stelle.

‘N’artro pò èsse quello corto,
Gracile, co’ la testa granne,
Hai visto er ciuaua co’ l’occhi
Che je escheno dalle mutanne.

Mo è chiaro che ‘sta lista
Pò annà avanti all’infinito,
Ma ve volevo dì c’ogni ca…ne
Cià er suo carattere definito.

La foto der mio, preferisco,
Su ‘sto sito nun ce la metto,
Nun è grosso, nun è piccolo,
Ma elegante come un cazzo da salotto.