Un giovane uomo di Uruk sconvolge Enkidu

Lacuna di 23 righe (in viaggio verso Uruk, la prostituta ed Enkidu si imbattono in un giovane uomo di Uruk, che racconta le leggi vigenti in
città soprattutto in materia matrimoniale, per cui a Gilgamesh compete lo ius primae noctis; notizia questa che manda Enkidu su tutte le furie.
Nascita di una imperitura amicizia
Egli stava là, in mezzo alla strada di Uruk, l’ovile,
sfoggiando la sua forza
egli sbarrava la via a Gilgamesh;
mentre ad Uruk la gente accorreva da lui;
i cittadini di Uruk si assembrarono attorno a lui;
gli uomini si ammassarono presso di lui;
gli uomini si accalcarono attorno a lui.
Essi baciarono i suoi piedi come bambini.
Subito dopo il giovane, le cui forme sono perfette,
quando per Ishkhara un letto per la notte fu approntato per Gilgamesh,
un rivale simile a un dio fu posto,
Enkidu bloccava con il suo piede l’accesso alla porta della casa del padre della sposa;
egli non permetteva a Gilgamesh di entrare:
essi allora si affrontarono davanti alla porta della casa del padre della sposa;
si rotolarono nella strada, il Paese tutto fu scosso.
Gli stipiti si frantumarono, le mura tremarono.
Lacuna di 37 righe (la furibonda lotta tra i due eroi si conclude con la vittoria di Enkidu che però riconosce la superiorità di Gilgamesh: ne
nasce una grande amicizia. Gilgamesh decide di far adottare Enkidu da sua madre Ninsun).