La rivoluzione dei fighetti


L’illusione o sogno adolescenziale di un movimento che interpreta la politica come servizio civile finisce quando la maggior parte delle attività è POLITICA per emergere o MISTA.

Fatta con le stesse tecniche dei partiti, presidio propria posizione, forum come sedi chiusi per raccomandati o di fiducia o clientelismo.

Si usano le stesse modalità di presidio, ricerca consenso, guerra di una sezione di partito che non esiste, ma che è riproposta dal reparto banchetti e forum.

Dall’altra parte la rete è piena di cazzoni e chiacchieroni da scrivania, dove non esiste autorevolezza, memoria, merito, riconoscenza in un movimento che ha un’età media ELEVATA proprio per i fini POLITICI.

Ci si candida senza nessuna PROPOSTA concreta, senza argomenti, senza battaglie alle spalle se non quella di occupare spazi aperti, portavoce di se stessi, cercateli e fategli le domande che vanno oltre gli slogan, solo così potrete dare il giusto giudizio.

Quindi prima di votare ME STESSO, mi guardo allo specchio e se non mi vedo per quel che sono lo mando a fan culo lui e tutta la brigata di furbi e fighetti.

Si spinge comunque una cosa VALIDA e l’unica scelta SERIA in un disastro totale, con la speranza che UN MIRACOLO leghi insieme una forza che non diventi invece nicchia di varie parrocchiette e apoteosi dello sfigato che diventa parlamentare o senatore, che in breve tempo non deve assumere puzza e sembianze del vecchio ed essere addomesticato dalla casta.

Ma siccome siamo italiani, abbiamo una percentuale di FURBETTI ENORME e la nostra rivoluzione culturale va a puttane…

… per il resto non preoccupatevi che i nostri donatori devono sottostare ad uno screening di qualità.


Un commento