L’EQUILIBRIO ISTITUZIONALE


grillAllorché si avvicina alla sua seconda soglia, l’istituzione non solo perverte l’uso dello strumento maneggiabile, ma subito gli sostituisce lo strumento manipolabile. Comincia allora il regno delle manipolazioni. Sempre di più si scambia il mezzo col fine, mentre l’adattamento dell’uomo al mezzo diventa sempre più costoso.

Così, mettere insieme i presupposti dell’insegnamento costa di più che insegnare, e il costo della formazione non è più compensato dal frutto della produzione. I mezzi per il fine perseguito dall’istituzione divengono sempre meno accessibili a una persona autonoma o, più esattamente, diventano parte integrante di una catena di anelli solidali che bisogna accettare in tutta la sua interezza. Negli Stati Uniti, se non si dispone di un’automobile non si viaggia in aereo, e se non si viaggia in aereo non si partecipa ai congressi di specialisti. Gli strumenti che conseguirebbero gli stessi scopi esigendo meno dal fruitore e rispettando la sua libertà d’azione, sono esclusi dal mercato. L’arte di corrispondere fra colleghi scompare.

Mentre i marciapiedi spariscono la rete stradale non fa che diventare più complessa. Può darsi che certi mezzi di produzione non conviviali risultino desiderabili in una società post-industriale. E’ probabile che, anche in un mondo conviviale, certe collettività scelgano di avere più abbondanza al prezzo di una minore creatività. E’ praticamente certo che, nel periodo di transizione, l’elettricità non dappertutto sarà prodotta su scala domestica. E’ evidente che il conduttore di un treno non può né scostarsi dalla strada ferrata né decidere di testa sua le fermate o l’orario. I vascelli d’una volta erano tenuti a seguire una rotta precisa non meno delle petroliere moderne; anzi.

La trasmissione dei messaggi telefonici si effettua su una certa banda di frequenza, deve essere diretta da un’amministrazione centrale, anche se riguarda solo una zona limitata. In verità non c’è alcuna ragione per bandire da una società conviviale qualunque strumento potente, qualsiasi strumento ragionato manipolabile e ogni produzione centralizzata. Nell’ottica conviviale, l’equilibrio tra la giustizia nella partecipazione e l’uguaglianza nella distribuzione può variare da una società all’altra, a seconda della storia, degli ideali e dell’ambiente della società stessa. Non è essenziale che le istituzioni manipolatrici o i beni e i servizi capaci d’intossicare siano del tutto assenti da una società conviviale. Ciò che conta è che tale società realizzi un equilibrio fra gli strumenti che producono una domanda per creare e soddisfare la quale sono stati concepiti, e gli strumenti che invece stimolano l’invenzione e l’adempimento personali. I primi materializzano programmi astratti che riguardano gli uomini in generale; i secondi favoriscono l’attitudine di ciascuno a perseguire i propri fini, nella maniera propria, inimitabile. Non è il caso di bandire uno strumento per il solo fatto che, secondo uno dei nostri criteri di classificazione, può definirsi anticonviviale.

Questi criteri sono guide per l’azione; una società può servirsene per ristrutturare il complesso della sua attrezzatura, in funzione dello stile e del grado di convivialità che desidera. Una società conviviale non proibisce la scuola: mette al bando il sistema scolastico pervertito in strumento obbligatorio, fondato sulla segregazione e il rifiuto dei bocciati. Una società conviviale non sopprime i trasporti interurbani a grande velocità a meno che la loro esistenza divori il tempo dell’insieme della popolazione, imponendo le sue servitù alla maggioranza per accrescere la mobilità dell’élite. Una società conviviale non è neppure tenuta a rifiutare la televisione, sebbene questa lasci alla discrezione di pochi produttori e abili parlatori la scelta e la confezione di ciò che verrà fatto ingoiare alla massa dei telespettatori; ma una società conviviale deve proteggere la persona dall’obbligo di trasformarsi in “voyeur”. Come si vede, i criteri della convivialità non sono regole da applicare meccanicamente, ma indicatori dell’azione politica, riguardanti ciò che bisogna evitare. Concepiti per rivelare una minaccia, permettono a ciascuno di mettere a frutto la propria libertà.