Sorrow

Il dolce profumo di un grande dolore rimane sospeso sulla terra
Pennacchi di fumo si innalzano e si fondono nel cielo plumbeo
Un uomo è disteso e sogna di prati verdi e fiumi
Ma si sveglia un mattino senza alcun motivo per svegliarsi

È ossessionato dal ricordo di un paradiso perduto
Nella propria gioventù o in un sogno, non sa dirlo di preciso
E’ incatenato per sempre ad un modo svanito
Non è abbastanza, non è abbastanza

Il sangue gli sì è gelato e coagulato per la paura
Le ginocchia hanno tremato e nella notte gli hanno ceduto
La sua mano si è indebolita nel momento della verità
Il suo passo ha vacillato

Un mondo, un’anima
Il tempo passa, il fiume scorre

Ed egli parla al fiume dell’amore perduto e della consacrazione
E mute risposte che mulinano inviti
Corrono fluendo oscure ed agitate verso un mare oleoso
Una sinistra premonizione di ciò che sta per accadere

C’è un vento incessante che soffia in questa notte
E c’è della polvere nei miei occhi, che mi acceca la vista
E un silenzio che parla più forte delle parole
Di promesse infrante.