IL BIVIO

Dopo il grande successo elettorale il movimento 5 stelle segna una piccola o media battuta di arresto ; una fisilogica dopo le grandi aspettative generale , l’altra prevista e dovuta ai suoi processi. ***** La Mission , strategia del movimento è ribadita nell’ultima intervista di Casaleggio al corriere della sera , la democrazia diretta resa possibile dalla rete e la […]

Continua a leggere

I padroni sono tali finché esistono persone che si fanno serve.

Che cosa gliene viene in tasca alle folle, concretamente, anche in termini di giustizia sociale, il fatto di stare a difendere il sistema, o l’etichetta di partito, o le parole di un capo a loro estraneo, comunque qualcosa di esterno? A consultare la storia di questo sistema di nome stato, mi pare di vederci solo ingiustizie causate proprio dalle ‘locali […]

Continua a leggere

Il partito unico

Negli ultimi anni si è sviluppato una sorta di “pensiero unico”. Descritto come un nuovo vangelo, questo “pensiero unico” non è altro che la traduzione in termini ideologici degli interessi del grande capitale internazionale. Le sue parole chiave sono: il mercato, la concorrenza e la competitività, la mondializzazione dei flussi finanziari come della produzione, la moneta forte e i prezzi […]

Continua a leggere

REPORT DI PARTITO

Report di ieri con la sua portavoce candidata presidente n. 1 della repubblica indicata dal portale M5S…..fa un attacco a 360° sul movimento 5 stelle ben congeniato e preparato passando alcuni messaggi molto forti : a ) mancanza di trasparenza e rendicontazione conti come finanziamento da attori privati b) chiusura e non risposte a domande o arroganti prese di posizione […]

Continua a leggere

I camaleonti del nuovo fascismo

Questo articolo, è già divenuto raro da reperire sul web, risultano incomprensibili le ragioni per cui sul blog PCL hanno deciso di rimuoverlo. Essendo le nostre “priorità” DIVERSE dalle loro, lo riproponiamo. CAMMINANO TRA NOI … I CAMALEONTI DEL NUOVO FASCISMO Anche questo 25 aprile ci riproveranno, a Cagliari, Napoli e Vicenza si terranno manifestazioni denominate “festa per la Liberazione”. […]

Continua a leggere

L’Italia muore

L’umanità sì spegne lentamente consumata dalla più orribile di tutte le malattie: il gregarismo. E questo significa invigliacchimento, impecorimento, impoverimento dell’energia vitale, sparizione dello spirito d’indipendenza e di fierezza, menomazione della capacità di difesa e di attacco, perdita dell’attitudine alla creazione, libera ed originale. Gli uomini, purtroppo, stanno diventando tanti fantocci uguali, che sentono, pensano ed agiscono tutti nello stesso […]

Continua a leggere

Ai rassegnati

Odio i rassegnati! Odio i rassegnati, come odio i sudici, come odio i fannulloni. Odio la rassegnazione! Odio il sudiciume, odio l’inazione. Compiango il malato curvato da qualche febbre maligna; odio il malato immaginario che un po’ di buona volontà rimetterebbe in piedi. Compiango l’uomo incatenato, circondato da guardiani, schiacciato dal peso del ferro e del numero. Odio il soldato […]

Continua a leggere

Il circo

Cosa c’è di più miserabile di un individuo strappato dal suo habitat naturale e costretto a recitare un copione di gesti prestabiliti sotto il ricatto della frusta? Gli animali da circo sono un triste esempio di come la civilizzazione violenti tutto ciò che c’è di spontaneo e selvatico per convertirlo in una triste marionetta sottomessa ai domatori di ogni specie: […]

Continua a leggere

Dalla repubblica della serenissima a quella dell’incazzatissima

Il Doge veniva eletto dal Maggior Consiglio: l’elezione era complicata. Un bambino da un’urna estraeva tante palline d’argento quanti erano i componenti del Maggior Consiglio; ad alcuni, a 30, capitavano delle palline d’oro, ma di questi trenta, 21 venivano scartati. I 9 rimanenti eleggevano altri 40 elettori, che a loro volta venivano ulteriormente ridotti a 12 da una nuova estrazione. […]

Continua a leggere

E QUESTO VOI LO CHIAMATE VIVERE?

ALZARSI ALL’ALBA. Di buon passo, o utilizzando qualche mezzo rapido di locomozione, recarsi al lavoro; cioè rinchiudersi in un locale più o meno spazioso, per lo più mancante d’aria. Seduto davanti a un computer, a picchiettare senza posa per trascrivere delle lettere, metà delle quali non si compilerebbero neppure se si dovessero scrivere a mano. Oppure fabbricare, azionando qualche ordigno […]

Continua a leggere
1 2 3 4