SENZA PADRONI

La rigida separazione che esiste tra la vita di un individuo e quanto di essa egli è costretto a dedicare al suo lavoro è probabilmente la fonte più grave di problemi per la società contemporanea. Non ci si può aspettare dalla gente un atteggiamento responsabile e ricco di iniziativa nella vita quotidiana se della responsabilizzazione e dello spirito di iniziativa […]

Continua a leggere

Federazioni senza vertici

“L’affascinante segreto di un’organizzazione sociale ben funzionante sembra così risiedere non nell’unità complessiva ma in una struttura che si rigenera costantemente attraverso il salutare meccanismo della divisione. Divisione che si esplica quando una miriade di scissioni di tipo cellulare e di rifondazioni si attuano al di sotto della superficie tranquilla di una entità apparentemente immutabile. Non appena questo rigenerante processo […]

Continua a leggere

La teoria dell’ordine spontaneo

I gruppi di volontari, organizzatisi in ogni caseggiato, in ogni strada, in ogni quartiere, non avranno difficoltà a mantenersi in contatto e ad agire all’unisono… se i sedicenti teorici «scientifici» si asterranno dal ficcare il naso… Anzi, spieghino pure le loro teorie confusionarie, purché non venga loro concessa alcuna autorità, alcun potere! E le meravigliose capacità\organizzative di cui dispone il […]

Continua a leggere

Il fallimento dello stato assistenziale

Tutte le istituzioni, tutte le organizzazioni sociali, impongono alla gente modelli che ostacolano lo sviluppo delle qualità individuali; più ancora, a me sembra, limitano il dispiegarsi delle più autentiche doti umane… Mi pare che ci sia un dato connaturato a tutte le istituzioni, abbiano esse obiettivi positivi, come scuole, università, ospedali, o assolutamente negativi, quali le prigioni. Chiunque sia coinvolto […]

Continua a leggere

L’armonia nasce dalla complessità

Una delle critiche più frequenti per liquidare la teoria anarchica della società è l’obiezione che se essa può forse valere per una piccola e isolata comunità primitiva, è impensabile che possa trovare applicazione nell’ambito delle grandi e complesse società industriali. Ma questo giudizio è basato sul misconoscimento della natura sia dell’anarchismo sia delle società tribali. Il fatto che esistano o […]

Continua a leggere

LA DISSOLUZIONE DELLA LEADERSHIP

«Portatemi dal vostro capo»: questa è la prima richiesta fatta dai Marziani ai Terrestri, dai poliziotti ai dimostranti, dai giornalisti ai rivoluzionari. «Qualche giornalista», disse uno di loro a Daniel Cohn-Bendit, «ti ha descritto come il leader della rivoluzione…», al che lui replicò: «Lasciategli scrivere le loro fesserie. Questa gente non sarà mai in grado di capire che il movimento […]

Continua a leggere