Standing Ovation al Servo

Il servo ideale di cui è zeppa la società, sembrerà anche incoerente perché si lagna sempre, però ha notevoli e superlative qualità, che meritano d’essere apprezzate. Non è affatto vero, ad esempio, che un servo manca di critica, di inventiva, di forza, di perspicacia; un servo schifosamente tale è un genio assoluto nel saper criticare una condizione umana di libertà; […]

Continua a leggere

Buoni propositi distruttivi

Come accade ad ogni ciclo di calendario ognuno esprime le sue vane speranze per un nuovo anno, un po come lavarsi la coscienza usando frasi fatte, ma perché non vivete invece di sperare di vivere? Perché non distruggete tutte le costrizioni che siete obbligati a subire? Non spero in un anno migliore! Io non devo sperare in un anno migliore […]

Continua a leggere

#emobasta

Vedo il ritorno in campo di gente di destra mai realmente allontanate dal potere. Vedo le pulsioni retrò di una sinistra che si sveglia dal lungo sonno rendendosi conto che la sinistra non esiste. Vedo la chiassosa politica di Grillo che serve soltanto per coprire il vuoto di persone meschine ed inaffidabili. Basta, vi prego. Voglio una politica sussurrata, voglio […]

Continua a leggere

Dove è finito?

Dove è finito l’incitamento allo «scatenamento delle cattive passioni», l’apologia del «gioco di forze selvagge e barbare», la consapevolezza che «agire in pochi non solo non costituisce un limite, ma rappresenta un modo diverso di pensare la stessa trasformazione»? Dove è finita quella «affinità nei progetti» e quella «autonomia dell’azione individuale» che «rimangono lettera morta se non possono allargarsi senza […]

Continua a leggere

Ore di punta

Ore di punta. La tragedia si svela ogni giorno. Un esercito di schiavi tutti in fila, attenti a non fare tardi che il dio-produzione non aspetta, il capo non perdona, la sua idiozia si adora e si copia. Dogma della produzione che impila lingotti, gli aguzzini del sistema hanno la bava alla bocca. Vota. Vota. Vota. Fai come sai. Non […]

Continua a leggere

Per cortesia non chiamateli troll, sono solo zombie

Prendi atto che è diventato inutile combattere in giro per la rete gli zombie, a che serve dibattere grandi temi politici e non. Come si incide? Con il dibattito, l’informazione poi, non serve a niente. Chi scrive? tutti o quasi possono incidere poco o nulla se non inquadrato in sistemi o ruoli politici dove puoi far qualcosa. Questo che significa […]

Continua a leggere

Odio l’islam, fra le altre…

Kant rendeva omaggio a Hume per averlo risvegliato dai suoi anni di sonnolenza dogmatica. Ma se si trattasse di una sonnolenza dogmatica tipica della democrazia? E se la democrazia, al di là delle sue istituzioni politiche, avesse la capacità sorprendente e insidiosa di creare, attraverso i suoi prolungamenti ideologici, un effetto oppiaceo e soporifero? Una dolce paralisi del pensiero? Qualcosa […]

Continua a leggere

Si può votare senza credervi?

Chi mangia dello Stato, ne crepa diceva Gustav Landauer, che ha pagato con la vita la sua partecipazione a un tentativo di cambiare realmente le cose, invece di andare a votare. La macchina politica stritola coloro che vi partecipano. Non è una questione di carattere personale. Bakunin diceva giustamente: “Prendete il rivoluzionario più radicale e ponetelo sul trono di tutte […]

Continua a leggere

Senza via d’uscita

Rimbomba nelle orecchie, balla davanti agli occhi, si insinua attraverso le narici, occupa i nostri sensi. È la menzogna sociale di massa che ci viene quotidianamente ammannita. La si potrebbe definire, fra uno sbadiglio e l’altro, oggettivazione del mondo in cui viviamo. Consiste nell’affermazione onnipresente di scelte già fatte in tutti gli ambiti della nostra esistenza. Il compito di travestire […]

Continua a leggere

Era meglio la vera Peppa Pig

Matteo Renzi, alias Peppa pig, ha generato nel corso degli ultimi tre anni, alle spalle di governi tecnico-tattici che solo Arrigo Sacchi li ha capiti, un’aspettativa talmente tanto grossa che fino a pochi giorni fa sembrava troppo bella per non essere solo una aspettativa. Come ogni aspettativa in politica, detto fatto, abbiamo visto cosa produce. Incoerenza: “mai al Governo senza […]

Continua a leggere

Parola d’ordine rottamare: non più “aumma aumma” ma “larghe intese”

Dopo aver invaso giornali, talk show, tribune politiche, talent show, Re Renzi detto anche Re Nzi, ha conquisto proprio tutti. Gli è costato una cosetta, anzi ci è costato un capitale visto che i finanziamenti delle sue mega campagne, e i consulenti di comunicazione e immagine li abbiamo pagati noi contribuenti. Tre anni di serpe in seno nel Nazareno, di […]

Continua a leggere
1 2 3 4 7