Er Padre de li Santi.

                    Roma 6 Dicembre 1832.   Er cazzo se pò ddì rradica, uscello Ciscio, nerbo, tortore, pennarolo, Pezzo de carne, manico, scetrolo, Asperge, cucuzzola e stennarello. Cavicchio, canaletto e cchiavistello, Er gionco, er guercio, er mio, nerchia, pirolo, Attaccapanni, moccolo, bbruggnolo, inguilla, torciorecchio, e mmanganello Zeppa e bbatocco, cavola e tturaccio, […]

Continua a leggere

Er Ceco.

I Su l’archetto ar cantone de la piazza, ar posto der lampione che c’è adesso, ce stava un Cristo e un Angelo de gesso che reggeva un lumino in una tazza. Più c’era un quadro, indove una regazza veniva libberata da un’ossesso: ricordo d’un miracolo successo, sbiadito da la pioggia e da la guazza. Ma una bella matina er propietario […]

Continua a leggere

La fretta

Se stà a fà sera e nantra giornata de lavoro se n’è annata: c’ho l’ossa tutte rotte, la capoccia frastornata. Cammino senza prescia, tanto, che devo fa? Si torno a casa me tocca pure sfacchinà! Sur viale del tramonto me fa l’occhietto er sole, e dopo nà giornata a dà i resti a chi li vole, l’osservo m’bambolato, come fosse, […]

Continua a leggere

Er vaffanculo

Nun è ‘na parolaccia, amica mia, Ma la canzone più famosa der monno. Ce vò ‘n trattato de fillosofia Pe’ ispiegallo bene a tutto tonno. Quanno te rode forte drent’ar petto Devi tené accarcato ‘sto livore; Nun daje fiato subbito de bòtto, Ma fallo cresce forte drent’ar còre. E devi da tenello ariguardato. E devi fallo cresce piano piano, Come […]

Continua a leggere

La formichina ribelle

Drento un montarozzo de tericcio, C’era ‘na bella e aitante formichina, Che ‘n ciaveva manco ‘n sòrdo spiccio E brontolava dalla sera alla matina, Teneva comizzio da sopra ‘n sassolino E nun faticava come le sorelle, Cercava de coinvorgele durante quer cammino, Perché ciaveva l’animo ribelle, Voleva un po’ più de libertà, Viaggià, partì e conosce artri posti, E no […]

Continua a leggere

L’asilo

Maestrine e regazzini, Zainetti e cappottini. Sempre tanta è la caciara, Che se sente a tutte l’ora. C’è chi ppiagne quarche vvòrta, E chi fa quarche ccapriccio, Perché sbatte su ‘na porta, O ppe’ ccausa de ‘n bisticcio. Nelo sguardo dde ‘sti pupi, C’è la ggioia e la tristezza. Cianno l’occhi a vvòrte cupi, E a vvòrte pieni dde dorcezza. […]

Continua a leggere

La ninna nanna globale

Ninna nanna, nanna ninna, Er pupetto vò la zinna: Dormi, dormi, cocco bello, Sennò chiamo Farfarello Farfarello e Gujermone Che se mette a pecorone, Gujermone e Ceccopeppe Che se regge co’ le zeppe, Co’ le zeppe d’un impero Mezzo giallo e mezzo nero. Ninna nanna, pija sonno Che se dormi nun vedrai Tante infamie e tanti guai Che succedeno ner […]

Continua a leggere

‘Sti cazzi

Sarve, ve volevo parlà, oggi, De ‘no strano argomento, Che su ‘sto sito crea pregiudizio E nun poco sgomento. Si sfojate le paggine De sto monno lubbrico e virtuale, V’accorgete tosto che sovrasta inquieta ‘N’immaggine banale. ‘St’immaggine è simbolo comune Delle più accese discusioni, Tanto che le femminucce, A chi la pubblica, je da dei cojoni. Stò a parlà de […]

Continua a leggere

a speranza

Ogni notte, dopo avè passato Tutta ‘a serata co’ l’amichi ar bar de Beppo, Cor cervello mezz’annebbiato Vòi pe’ stronzate ‘n pò dette ‘n pò sentite, Vòi pe’ fumi der vino che me fa’ girà ‘a capoccia, Piano piano, camminando muro muro, torno a casa. Puro l’antra sera tornavo a casa piano piano, Camminando muro muro, P’evità de provocà quarch’incidente […]

Continua a leggere