Dieci pugnalate alla politica

1: La politica è l’arte della separazione. Dove la vita ha perso la sua pienezza, dove il pensiero e l’azione dei singoli sono stati sezionati, catalogati e rinchiusi in sfere staccate, lì comincia la politica. Avendo allontanato alcune attività degli individui come, la discussione, il conflitto, la decisione in comune, l’accordo, in una zona a sé che pretende di governare […]

Continua a leggere

La cultura del dominio

E’ sorprendente notare come le persone che fino a ieri stavano in mezzo al popolo, una volta giunte al soglio governativo (elette o no) imparino immediatamente ad essere contro lo stesso popolo. Da ciò si evince che non è mai l’uomo a cambiare lo Stato, ma esattamente il contrario. E’ il tragico gioco gerarchico, quello che ci insegnano fin da […]

Continua a leggere

Actualité de l’Anarcho-syndicalisme

Il coordinamento delle proprie attività è un problema per ogni gruppo umano. Nel corso della storia, sono emersi differenti modelli di organizzazione, ma sebbene ci siano delle varianti, è un modello gerarchizzato e centralizzato che domina attualmente il pianeta. Questo modello è in perfetto adeguamento ad una società di sfruttamento nella quale un pugno di dirigenti impone alla massa dei […]

Continua a leggere

Una casa inabitabile

La condizione in cui ci troviamo mi sembra quella di chi si barrica entro quattro mura per difendere spazi in cui per primo non ha voglia di vivere. Tanto discutere di aperture, di allargamenti, di alleanze nasconde il fatto che stiamo difendendo una casa diroccata in un quartiere inabitabile. La sola via d’uscita mi sembra quella di incendiare le postazioni […]

Continua a leggere

Nel paese dei lestofanti

In un paese lontano lontano, c’era il popolo dei Lestofanti che vivevano in una valle ricca e piena di frutti. Il loro modo di vivere era però spregevole poiché consumavano tutti i frutti della terra senza curarsi delle piante, sporcavano l’acqua, non coltivavano nè allevavano, così in breve tempo, tutta la loro ricca valle si ridusse ad un deserto. Fuggirono […]

Continua a leggere

E IO …NON VI VOTO.

La forza del movimento è la enorme promessa emotiva di cambiamento, la rivoluzione di mandare a casa i partiti, circondarli, distruggerli. Ma a questa promessa abbiamo messaggi distonici, opposti, che vanno in totale contraddizione. Le altre forze del movimento sono la libertà di entrarvi e muoversi, moltiplicarsi e organizzarsi senza strutture e vincoli di partito e la democrazia diretta, intesa […]

Continua a leggere

La nuova costituzione

Articolo 1. Principi e finalità Questo è uno stato, come tale è un’organizzazione territoriale militare a scopo di lucro, la cui gestione è affidata ai governi, i quali, utilizzando l’inganno e la forza militare, legiferano per il mantenimento del sistema fondato sullo sfruttamento, sull’imbonimento, sul controllo, e sulla ruberia dei diritti naturali del popolo e della ricchezza che esso produce […]

Continua a leggere

La coerenza tra mezzi e fini

Al metodo antiautoritario, si affianca questo ragionamento: se voglio raggiungere la libertà i mezzi da impiegare non debbono prevedere coercizioni, forzature, obblighi, imposizioni; se voglio realizzare un mondo più giusto non posso edificarlo tramite mezzi ingiusti. Se voglio una società non più gerarchica non posso adottare modalità gerarchiche. È un ragionamento prima che filosofico molto pratico, dettato sia dalla logica […]

Continua a leggere

Lavoratori del mondo… rilassatevi.

Nessuno dovrebbe mai lavorare. II lavoro è la fonte di quasi tutte le miserie del mondo. Quasi tutti i mali che si possono enumerare traggono origine dal lavoro o dal fatto che si vive in un mondo finalizzato al lavoro. Per eliminare questa tortura, dobbiamo abolire il lavoro. Questo non significa che si debba porre fine ad ogni attività produttiva. […]

Continua a leggere

I padroni sono tali finché esistono persone che si fanno serve.

Che cosa gliene viene in tasca alle folle, concretamente, anche in termini di giustizia sociale, il fatto di stare a difendere il sistema, o l’etichetta di partito, o le parole di un capo a loro estraneo, comunque qualcosa di esterno? A consultare la storia di questo sistema di nome stato, mi pare di vederci solo ingiustizie causate proprio dalle ‘locali […]

Continua a leggere
1 2 3 4 5